domenica 6 maggio 2018

Daniele Verzetti Rockpoeta®... Il Poeta della domenica.


Emozione, commozione ma anche rabbia, disgusto, sono tutte sfaccettature di una realtà che spesso è dura, ingiusta, cattiva e non dà speranze... che io racconto in poesia.
Daniele Verzetti Rockpoeta
intervista di Monica Pasero


Tre libri di poesia pubblicati Il vento, lo spirito e tu, La Terrazza, e Pallottoliere bianco.  
Tre gli spettacoli scritti, ideati e da lui diretti Life of Dreams, Esistenze Reali e Omeostasi.

Alda Merini ha detto di lui:
L’Italia che ha dato i poeti migliori, i più grandi navigatori, non figura una buona madre per i poeti, ma spero con tutto il cuore che Verzetti, che mi ha fatto leggere i suoi versi che trovo ottimi, non debba scorticarsi mani e piedi come San Francesco per arrivare


la santa furiosa-poesia
Daniele Verzetti Rockpoeta®
Genova, 1967


La sua non è poesia, è rockpoesia e lui è un Rockpoeta, la melodia lascia il posto alla ritmica, la sua non è una contestazione fine a se stessa, ma denuncia del vivere, ne sono prova le sue azioni poetiche di «guerrilla urbana».
La rockpoesia, come un lampo, si scaglia sui mali della società, irrompe viva sulla città, in quei luoghi che la città finge di non avere.


la santa furiosa-poesia


Premi, menzioni, partecipazioni e spettacoli in tutta Italia, Maurizio Costanzo lo ha intervistato su Rai Radio Uno nel corso del programma L'uomo della notte.

Il 2017 ci ha visti insieme in diretta radio su Radio Antenna Febea (leggi qui)
A "rispondere per le rime" Daniele nelle puntate di Si vede che è sabato, conversazioni radioattive di Social Sud condotte da Francesco Malara.

Un pubblico numeroso e coinvolto che lo segue anche nelle sue stanze virtuali dal sito Daniele Verzetti  Rockpoeta®, al blog che non poteva chiamarsi altrimenti: L'Agorà. La piazza virtuale dove Daniele incontra tutti e la Rockpoesia diventa "il centro" da cui partire per confrontarsi, discutere, imprecare, condannare e sperare, con la
convinzione sempre più forte che sia perfino "giusto" trovare scorciatoie e comportarsi in modo scorretto e da furbi. Questo insegna oggi la società...tento... con le mie poesie di dar voce a situazioni e realtà che non sempre trovano spazio nei media.  
Daniele Verzetti Rockpoeta
da intervista al TGCOM24
  

E ora un reading poetico che non è monologo, ogni parola ha diverse vite, ogni poesia ha una sua storia.
Signore e signori si apre il sipario, la scena è tutta sua… Daniele Verzetti Rockpoeta®


la santa furiosa-poesia



Quando succedono eventi drammatici, che ci toccano e ci indignano profondamente, spesso sentiamo serpeggiare sinuosamente o volteggiare nell'aria un pensiero che si manifesta nella frase "E' tutta colpa della Società" Io però, quando ascolto o leggo queste parole, mi pongo una domanda elementare, e cioè: "Scusate, ma la Società non siamo tutti noi?"

OMEOSTASI

Mi calpestate
Mi umiliate
Mi mettete la sordina
Per non farmi parlare
Imbavagliate la mia anima
Per impedirmi di mostrare chi siete veramente.

Per voi
Sono malata
Persa
Depravata
Decadente
Così mi definite
Ma sapete benissimo che io rappresento tutti voi.

Io sono la vostra Società.

Falsa omeostasi del tempo
Illude anime senza coscienza
Avvolte da una patina di sudiciume morale

Omuncoli patetici
Si urtano
Avviluppandosi dentro un quotidiano fatiscente
Ed una falsa luce di progresso.

Io sto morendo
Consapevole di essere incolpevole
Perché soggetto passivo della vostra degradazione.

E nell'esalare l'ultimo mio respiro
Vi lascio orfani di un alibi sterile
Abbandonandovi al vostro destino
Ed alla vostra fine banale
Figlia di una futile e crudele esistenza.



L'importanza di questa doverosa assunzione di responsabilità da parte di tutti noi, credo trovi conferma ulteriore nel tema di cui tratta la mia prossima poesia: il bullismo.

LA DANZA DEL CAPPIO

"Che vuoi?
Cazzo mi segui?
Sì abbiamo spaccato la faccia a quel negro di merda
Ed a quel nostro compagno di scuola spastico per divertirci
Perché siamo noi quelli fighi!

Loro invece sono essere inferiori
Come i nerds che si credono tanto più furbi di noi
Quindi che cazzo ci segui con quella telecamera
Deficiente
Cosa vuoi saperne davvero di noi?
Noi ora siamo più famosi di te sfigato reporter morto di fame"

Risate virtuali
Riprese video
Foto con didascalie umilianti
Branco che picchia
Tortura
Offende.

Minorenni
(Maschi e femmine ormai non c'è più differenza)
Prendono di mira con ferocia il diverso
Chi non si omologa
Chi fa paura perché pensa differentemente dalla massa.

Bullismo lo chiamano
Atti di viltà contro i più deboli
Con la Rete come loro terrificante alleata
E spaventoso amplificatore.

E tu portami via da qui
Fammi danzare sulle nuvole

Voglio abbandonare questo luogo
E danzare con una corda al collo.

Odio ed ignoranza
Condannano sensibilità e timidezza
Invidia e codardia
Feriscono ed umiliano i diversi.

Ed io andrò lontano da qui
Per danzare sulle nuvole
Etereo
Libero
Senza legami
Grazie ad un cappio di libertà.



E non dimentichiamoci che anche l'ambiente ci riguarda da vicino...

LA SECONDA PELLE 




Anche le guerre, quelle lontane, ci devono toccare da vicino, perché essere e, come diceva Vittorio Arrigoni, "restare umani" ritengo sia il nostro principale dovere.

FORECAST

Piove
Ma il mio ombrello non può ripararmi dal sibilo
Di queste gocce mortali.

Piove
Sono gocce acide
Calde,
Incandescenti
Fosforescenti.

Escoriazioni e sangue
Sono il pane quotidiano
Qui in Siria.

Lottiamo per essere liberi
Ma la guerra scatena istinti primordiali orribili.

Tracce invisibili
Rapiscono bambini
Seviziano donne
Cancellano anime.

Nuovo giorno
Stesse notizie di ieri

Bollettino del Servizio Meteo Siriano:
"Oggi pioggia diffusa
Di ordigni strazianti

Temporali violenti
Con tuoni roboanti dei cannoni
E fragranti rimbombi di mortaio.

Temperatura elevata
A causa di fumo e fuoco;
Le alte temperature sono destinate
A persistere per lungo tempo
Così come la pioggia acida di morte".

Anche oggi piove
E non fa più notizia

Proprio come la mia terra.



La disperazione e la povertà sono anche una realtà europea e soprattutto nostrana...

STORIA DI UN ORDINARIO QUOTIDIANO

Cerco un angolo dove riposare
E riciclo cibo a buon mercato

Il lavoro è un optional
I propri sogni sono fantascienza
Un fantasy malinconico che non paga
Non fa audience e non trova degna pubblicazione.

Cerco un angolo dove accasciarmi
Un angolo dove rannicchiarmi
In silenzio
Senza disturbare

Famiglia sulle mie spalle
Senza casa da agosto
Altro che "ripresina"
E vacanze alle Maldive

Abbiamo un monolocale su quattro ruote
Cinque posti un po' stretti
Finestrini panoramici
E…Riscaldamento autonomo.

Certo dormire seduti è un po' scomodo
Ma almeno abbiamo un tetto sulla testa.

Mia moglie ed i miei due figli sono stanchi
E decidono di andare via
Da mia suocera
Che però mi odia e non può certo raccogliere
Un fallito come me.

Cerco un angolo dove riposare
Ora sono più solo
Ma vedo il lato positivo
Ho più spazio dentro questa piccola auto.

Ed allora
Cerco di riposare
Giro la chiave
Faccio rombare il motore
Accendo il "riscaldamento"…

Chiudo tutto
E mi lascio andare.



Accanto ad una disperazione ed una povertà  sempre crescenti, abbiamo anche una realtà fatta di sfrontata e volgare ostentazione dovuta a ricchezza neanche mai sudata e guadagnata:

SEVEN SEAS

Oltre 50 metri di volgarità.

Sono in tre

Salgono a bordo
Sfoderando sorrisi compiaciuti
Di chi non ha mai realmente faticato
Neanche un solo giorno nella sua vita.

Tre figli di papà
Ostentano ricchezza riflessa
Come tre poppanti
A bordo di un impudente natante.

"Seven Seas" si chiama,
Nome scomodo ed ingombrante
Per chi non saprà mai solcare
Neanche il mare della vita.



Questo piccolo excursus nella realtà termina con una poesia diversa dalle altre, una poesia più intima, una lirica che dal vivo si avvale anche dell'intervento di due ottimi chitarristi:

AS WATER






la santa furiosa-poesia-domenica   #difendiamolapoesia  #difendiamolefonti 



  • In apertura post  la panchina "When it rains", AlVISUAL PHOTOGRAPHY.
  • Le immagini in questo post cortesia di Daniele Verzetti  Rockpoeta® Copyright dei rispettivi aventi diritto che ringrazio.


33 commenti :

  1. Grande Daniele, che i con suoi versi ci espone tante tematiche sociali, spesso ignorate dai mass media tradizionali.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E desta dal torpore in cui molti sembrano caduti...
      Buona domenica anche a te Cavaliere.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie alla tua sensibilità Alvise. Perché piove, eccome se piove, ovunque. A volte sembriamo guardare il riflesso di ciò che avrebbe potuto essere, la poesia può mostrarci quello che potremmo davvero essere e Daniele lo fa in modo viscerale.
      Così tu con i tuoi scatti.

      Elimina
  3. Un post meritato da Daniele , affinchè chi non lo conosce possa scoprire e godere del suo impegno poetico e sociale.
    Io lo ammiro da anni e lo ritengo un grande.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido appieno Cristiana.
      La sua continua denuncia è uno sprone a guardare in faccia la realtà, una spinta a cambiare le cose...
      Un caro saluto

      Elimina
  4. Grazie Santa! Hai impreziosito il mio reading con un lavoro incredibile di ricerca unito alla capace sensibilità nel saper cogliere perfino le sfumature della mia Rockpoesia e di quanto voglio far arrivare con i miei versi. Grazie è davvero un onore essere ospitato qui sul tuo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onore al merito, caro Daniele. È il merito va al tuo impegno, alla tua voce che indomita si scaglia contro tutti i mali.
      Grazie per essere qui con noi a farci guardare avanti, a non cercare più "angoli dove accasciarci".

      Elimina
  5. Conosco Daniele da non molto ma in questo post e nei suoi readings ce lo trovo tutto. Trovo esattemente il Daniele che mi sono sempre immaginata leggendo il suo blog.
    Grande lavoro il tuo e grande il suo impegno civile.
    Complimenti ad entrambi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia, la sua poesia è un monito e dice più di mille parole. Magari s'impegnassero così anche in alto...
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Grandissimo il nostro Dani, rocker per davvero.
    La grandissim(issim)a Alda gli ha dedicato davvero belle parole.
    Lo seguo con piacere ogni giorno, a volte sono d'accordo, a volte meno, ma resta una cosa: la sua piazza virtuale è sempre fonte di preziosi scambi di vedute, anche opposte :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dovrebbe essere una piazza, caro Moz, il confronto e la diversità ci arricchisce facendoci anche aprire gli occhi su realtà "oscurate". Così la poesia di Daniele.

      Elimina
  7. Ciao, arrivo qui proprio dal blog di Daniele.
    Il tuo post è davvero completo, presenta il mondo poetico di Daniele che ha tante sfaccettature, tocca temi delicati e importanti e scuote le nostre coscienze.
    Complimenti a te e a lui! Tornerò a trovarti.
    Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Maris, grazie per le tue parole e spero di ritrovarti sei sempre la benvenuta, anzi perdona la mia lentezza, ma la vita reale e quella virtuale non sempre viaggiano sullo stesso binario :D
      Sono felice di aver dato al nostro Rockpoetail respiro che merita.
      Un caro saluto.

      Elimina
  8. Buonasera, conosco Daniele Verzetti da diverso tempo, tramite il blog. Ho sempre apprezzato le sue poesie di denuncia sui temi più attuali. Non avevo mai visto una sua foto e non sapevo nulla dei libri pubblicati e della sua partecipazione a programmi televisivi. Ora ho una visuale più completa di lui e della sua personalità . Un saluto per te e uno per Daniele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È fantastico, cara Mirtillo, aver aggiunto qualche informazione in più su un "poeta" a 360 gradi. Non è facile vivere la poesia e Daniele lo fa con grande trasporto. Poesia viva.
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Ciao, eccomi a leggere questo post che attendevo. Non conoscevo il Rockpoeta e sono felice di averlo conosciuto qui, un primo incontro. Finalmente la tecnoogia social risponde con chiarezza a quello che dovrebbe essere il suo ruolo migliore. Son belle e dirette le poesie, davvero rock nel cuore. Mi ha colpito , nei video, sopratuttto, la sua voce, la voce del Rockpoeta, così pulita e giovane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Giovanni e concordo con te sulla valenza che la rete può avere per permettere di conoscere nuove realtà e nuove persone, come te, che abbiano qualcosa da dire, da far arrivare agli altri.

      Elimina
    2. Concordo, Giovanni, con te su tutto. Il web è un grande strumento, l'unico circolare e averti dato modo di conoscere la poesia di Daniele risponde a questa logica della condivisione e del confronto.
      E poi, dovevate proprio conoscervi per la forza che vi contraddistingue, anche se nella diversità, ma è proprio questo il bello degli incontri.

      Elimina
  10. Che bello scoprire altre cose di te, Daniele. Ti ha letto Alda! Hai conosciuto Alda! *_*
    La rosa di poesie è strepitosa, la tua arte assume una valenza ed un significato che va oltre la poetica. Devi esserne fiero... E fiero è chi ti legge e ti apprezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Irene, sono onorato e profondamente toccato dalle tue parole. Grazie di cuore.

      Elimina
    2. Benvenuta Irene Z., che bella testimonianza la tua!

      Elimina
  11. Hai fatto bene a scrivere questo post, un po' di sana pubblicità non fa mai male :-)
    E speriamo che molti ragazzi possano appassionarsi alle poesie di Daniele!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero Francesca. La condivisione è la forza del Web e la poesia è un linguaggio universale.

      Elimina
  12. PER MOZ: è sempre bello confrontarsi con te e leggere questo tuo commento qui da Santa mi emoziona davvero moltissimo

    PER MIRTILLO: grazie contraccambio il saluto e ti ringrazio per le tue belle parole.

    PER MARIS E PATRICIA: vi ho già detto quanto sia stato toccato dalle vostre parole sul mio blog dove avete commentato quindi a quei commenti mi rifaccio qui per dirvi quanto vi sia grato delle vostre parole.

    PER FRANCESCA: spero anch'io di poter arrivare a più persone possibile.

    Un gigantesco GRAZIE a Cristiana che mi segue fin quasi dagli albori del mio blog e che è una persona unica.

    E chiedo scusa a te Santa, non volevo intromettermi nelle tue risposte ma visto le bellissime parole che hanno avuto coloro che hanno fino ad ora commentato qui, mi sono permesso di ringraziarli. Scusa se ho "invaso"il tuo spazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grazie enorme anche a Cavaliere Oscuro con cui abbiamo condiviso importanti battaglie nel web e che stimo immensamente.

      Elimina
    2. Ma assolutamente, quali scuse, anzi Daniele la tua presenza qui è d'obbligo, come non respirare un po' di Agorà...

      Elimina
  13. Ho sempre sostenuto che le poesie di Daniele dovrebbero essere divulgate in modo da poter raggiungere un pubblico sempre più vasto. I temi da lui trattati sono importanti, il suo è un bell'esempio di impegno civile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sacrosanto, Ofelia. Simpaticamente dico spesso che deve perseverare nel fustigare, c'è troppo lassismo, una generazione dormiente.
      Spero di aver contribuito a fare da cassa di risonanza.

      Elimina
  14. Bravissima, Santa! Megafono nel web all'impegno civile di Daniele. Molto belle, significative e intense le sue poesie. Oggi più che mai è necessaria la sua denunzia contro guerra, violenza, povertà ... Perchè la società siamo noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio così, cara Maria: "la società siamo noi".
      La libertà certo è faticosa, mi piace molto infatti il verso di Daniele "Grazie ad un cappio di libertà". Un ossimoro che fa comprendere il valore di un principio irrinunciabile, quello che poi fa Daniele con la sua aperta denuncia dei "mali" che ci toccano.
      Grazie sempre per il tuo sentito apprezzamento.
      Un abbraccio forte.

      Elimina
  15. Un super omaggio sentito e dovuto, ad un artista che sente sulla propria pelle i mali del mondo, li denuncia a voce alta, e non si fa intimorire da nessuno.
    Che poi non basti..è colpa anche nostra..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco. Hai proprio ragione siamo sempre bravi a delegare. L'impegno di Daniele deve farci riflettere e soprattutto spingerci a fare.
      Perché come lui scrive: "IO sono la vostra Società."
      Ognuno di noi!

      Elimina

Torna su